Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

CHI SIAMO   |   ARCHIVIO Altre ognisette    |   altre ognisette
Tu sei qui: Home Sport sport 2012 sport novembre 2012 PISA. Arca Volley, secondo stop di fila
PISA

PISA. Arca Volley, secondo stop di fila

Campionato B/1 nazionale 2012/13

Un concreto Monselice porta via tre punti dal PalaCus e condanna l’Arca alla seconda sconfitta di fila. I gialloblu, privi del lungodegente Piccinetti, schierano in posto quattro un Lumini vistosamente febbricitante e quindi non al meglio, in coppia con Coletti; a palleggiare Tommaso Lazzeroni, opposto Sabatini, centrali Pitto-Da Prato, libero Cilurzo. In panchina i soli Croatti, utilizzato per il cambio al servizio, Ridolfi, chiamato in causa per il cambio a muro, e il giovane Golino. L’avvio lascia ben sperare: Monselice fatica ad ambientarsi nei larghi spazi del Palazzetto Universitario e paga dazio nel binomio battuta-ricezione. I gialloblu affondano i colpi e si portano in vantaggio per la gioia di una tribuna di nuovo gremita in ogni ordine di posto.

Davvero tanto l’interesse e l’affetto verso la prima squadra maschile cittadina, ma l’entusiasmo si affievolisce quasi subito; l‘Arca entra in crisi, subendo a sua volta il servizio tattico dei veneti e soffrendo nelle chiusure a muro. Monselice indovina infatti il cambio del play ed inizia a proporre un gioco molto veloce su cui i gialloblu faticano, arrivando spesso tardi nelle chiusure. L’inerzia del match cambia, gli ospiti pareggiano e poi volano via in un parziale, il terzo, chiuso sul 25-16. Il pubblico capisce la difficoltà dei ragazzi di Lazzeroni, e li sostiene incessantemente, così come il mister, molto vivace in panchina proprio per dare la carica ad un sestetto in difficoltà e con qualche accenno di nervosismo. Il quarto set vede un’Arca nuovamente su di giri, compatta e carica, Lazzeroni si affida quasi sempre a Sabatini, dovendo per forza limitare le aperture in zona quattro e potendo servire i centrali prevalentemente con alzate fuori rete e anticipatissime, per eludere la stretta marcatura a muro degli avversari.

Il punteggio sorride ai pisani, primo tempo tecnico 8-5, secondo 16-14, che diventa quasi subito 17-14. Purtroppo l’assetto sul muro-difesa offre spesso varchi agli attaccanti ospiti e se il cambiopalla non funziona ad orologio, diventa dura: Monselice avanza fino al 17-17, poi entra Croatti in battuta e suona la carica con tre servizi indovinati. 21-17, sembra fatta, ma i veneti tornano sotto, l’Arca è sull’attacco a due ed è davvero dura metter giù la palla. Il sorpasso ospite avviene sul 22-23, complici alcune incertezze in fase di ricezione, poi sul 23-24 un attacco dirompente di Sabatini viene giudicato fuori dal primo arbitro, toccato a muro dal secondo.

I giocatori patavini entrano in campo a festeggiare ma il direttore di gara accoglie il suggerimento del collega e cambia la decisione assegnando il punto a Pisa: nelle proteste, comunque composte, dei giocatori ospiti, scatta un cartellino giallo per qualche parolina di troppo della panchina. 25-24 per l’Arca, ma un primo tempo avversario a segno, un muro, e un attacco indovinato riportano Monselice avanti e le consegnano set, 27-25, e partita.

Delusione comprensibile in casa gialloblu, la partita è sembrata per larghi tratti a portata di mano, quanto meno è parsa tangibile la possibilità di far punti contro un avversario sicuramente più quadrato dei cussini ma non irresistibile in diverse rotazioni. L’unica soluzione è comunque quella di ripartire con più grinta di prima, lavorando sugli errori e contando sui dieci punti conquistati nelle primissime giornate, un bottino che consente all’Arca di stazionare in una tranquilla zona di centroclassifica.

ARCA CUS PISA-TMB MONSELICE PADOVA 1-3
Parziali: 25-20, 20-25, 16-25, 25-27

ARCA CUS PISA VOLLEY: Lazzeroni T., Sabatini, Lumini, Pitto, Da Prato, Cilurzo (l), Croatti, Ridolfi, Coletti, Golino. All. Lazzeroni S. D.A. Lunardi.


Azioni sul documento
archiviato sotto:
Strumenti personali